Web Marketing Festival 2018: tre parole - Lifestyle Blogger | Ines Pesce

Web Marketing Festival 2018: tre parole

inespesce / A MARKETER LIFE / / 0 Comments / Like this
Web Marketing Festival 2018: tre parole

Considerazioni a caldo sul Web Marketing Festival appena conclusosi

Il tris “sole, cuore e amore” lo lascio a qualcun’ altro mentre io voglio raccontare la mia personalissima esperienza al Web Marketing Festival di quest’anno con le tre parole che, a mio avviso, riepilogano 3 giorni intensi e pieni di carica positiva. 

Inizio subito con spiegare ai miei lettori “non marketers” che il Web Marketing Festival è il più grande evento italiano sul marketing digitale che vanta ad oggi oltre 12.000 presenze, più di 50 sale formative, 20 iniziative in programma. Un evento, insomma, con un ventaglio tematico talmente ampio da rendere il WMF l’appuntamento più completo sul Digital Marketing che quest’anno ha affrontato temi caldi come: Digital Transformation, Big Data, Internet e Media, Comunicazione e Pubblicità, Intelligenza Artificiale, Realtà Aumentata e Fake News. 

Riguardando il mio plan formativo di questi giorni mi rendo conto oggi che, insieme al mio team, abbiamo seguito almeno 30 speeches che ci hanno dato spunti, conferme, stimoli o chiarito dubbi su alcuni aspetti nei quali ci imbattiamo affrontando ogni giorno decine di Cases Histories, legati ai progetti dei nostri clienti. 

Il Web Marketing Festival, infatti, non è un corso di formazioni in cui si apprende la professione di marketer. 

Ciò che esso rappresenta è davvero soggettivo e dipende dal proprio background di partenza. Dopo l’edizione di quest’anno, ad esempio, io mi sento così: 

UPDATED

Il WMF2018 è stato l’evento in cui ho appreso le evoluzioni dei canali digitali e dei social network in particolare, le nuove tendenze in ambito strategico, gli aspetti legali dopo gli ultimi aggiornamenti legislativi legati all’entrata in vigore del GDPR, le accortezze contrattuali che deve avere un’agenzia marketing ai tempi del digitale, gli aspetti normativi di un contest sui social, le novità sulla User Experience e le nuove tecniche SEO

Ho inoltre conosciuto il fenomeno Martina Dell’Ombra: uno dei casi di fake più famoso in Italia che aveva attirato la mia attenzione già qualche anno fa. Martina Dell’Ombra alias Federica Cacciola è un personaggio nato per essere portato in teatro ma poi, per errore è finito sul web ed é diventato un fenomeno digitale di grande successo. Questa giovane e talentuosa attrice, Federica, con il personaggio di Martina è riuscita a raccontare, estremizzandoli,  i temi di attualità e a mostrare ciò che può fare il digitale su una persona/personaggio. 

FULL OF IDEAS

Il Web Marketing Festival mi ha fornito un sacco di input. Ascoltare oltre 30 professionisti, confrontarsi con i colleghi di tutta Italia e respirare l’aria di un evento così grande e ben fatto è stato ossigeno per il mio cervello e linfa per le mie idee. Con 4 dei 9 componenti il team Daruma, presenti con me al WMF2018, dopo ogni speech abbiamo incrociato impressioni e riflessioni e riportato gli spunti nei progetti che seguiamo per i nostri clienti e che non vediamo l’ora di mettere in pratica!

web marketing festival Web Marketing Festival e Daruma

WITH A BIGGER NETWORK

Inutile sottolineare quante persone nuove ho conosciuto: professionisti con il quale è stato un piacere confrontarsi e colloquiare. Rimini, poi, offre sempre ampie possibilità di intrattenimento per cui le chiacchierate tra i colleghi non si sono limitate al Palacongressi ma sono volentieri proseguite tra un aperitivo e una  cena. Ciliegina sulla torta del “fuori Web Marketing Festival” è stato senza dubbio il beach party presso il Samsara Beach di Riccione ove tutti i marketers si sono ritrovati con un outfit meno formale, piedi sulla sabbia e musica ad alto volume. 

Di rientro a casa sicuramente la stanchezza è tanta: bloccare il team 3 giorni per formazione ha significato lavorare intensamente nei giorni precedenti alla partenza e le trasferte per noi meridionali sono sempre delle super traversate, in quanto per muoverci dobbiamo percorrere almeno 500 km. Nonostante tutto nè è valsa la pena anche quest’anno: bravi Cosmano e Giorgio e al loro performante team di lavoro. 

giorgio tave e ines pesce Giorgio Tave e Ines Pesce

Ci rivediamo l’anno prossimo con il Team Daruma al completo!

 

 

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento